ULTIMI ARTICOLI

Senna e la telemetria della tragedia

Questa bellissima foto di Norio Koike, fotografo giapponese di F1 e ritrattista personale di Ayrton Senna, è l'omaggio che ho scelto per ricordare Ayrton. Un'immagine intensa, come intensa e raramente sorridente era sempre l'espressione del volto di Senna. Se passate da Imola questo 1 maggio 2019 andate a visitare la mostra fotografica "Simply the best", con immagini di Angelo Orsi...

Villeneuve oggi avrebbe 70 anni

«Aspettami, non ci metterò molto». Diceva sempre così Gilles alla moglie Johanna in griglia, dandole un fugace bacio e affidandole gli occhiali da sole prima di indossare il casco e salire sulla sua Ferrari. Era un frase ormai consueta, che Gilles ripeteva per abitudine e risaliva addirittura ai tempi delle gare di motoslitta dove Villeneuve cominciò la carriera di...

Solo questi 3 si giocheranno la F1 2020?

Quello del GP Abu Dhabi F1 è un podio che cancella un’ingiustizia. Sembra incredibile ma Hamilton, Verstappen e Leclerc, finiti ai primi tre posti nell’ultimo GP, non si erano mai ritrovati tutti assieme sul podio. Ad Abu Dhabi l’incantesimo si è rotto. Passato, presente e futuro della F1 in una sola immagine. Questo podio riflette già quelli che saranno...

Quanto vale Hamilton nella storia F1

Quanto vale davvero Lewis Hamilton nella storia della F1? In che posizione si colloca in una ideale graduatoria di tutti i tempi? E quali traguardi può ancora avere davanti uno come lui che ormai ha vinto tutto? Sono le due domande che si fanno tutti ora che Lewis ha vinto 6 titoli mondiali. Provo a darvi una risposta articolata a...

F1: troppa gomma, poco show

La Ferrari ha perso il GP Messico perché ha pasticciato con le strategie. Ma l’aspetto più triste della F1 di oggi è che è sempre di più una Formula Gomme. È troppo esagerata la percentuale d’importanza degli pneumatici ai fini del risultato finale. In Messico la Mercedes ha vinto perché ha scommesso sulla durata delle gomme hard, le bianche,...

Verstappen perde il pelo, non il vizio

Credevamo fosse maturato. Credevamo tutti che il ricordo del Verstappen irruente, arrogante spregiudicato, il Verstappen che non aveva rispetto per nessun altro pilota, fosse ormai lontano. L’episodio della qualifica in Messico e della sua penalizzazione per aver ignorato la bandiera gialla ci ha fatto capire che il ragazzo cocciuto e testardo è rimasto tale. Anche a 22 anni, con...